• Ginevra dell'Orso

L'ORTO DEI DESIDERI AL QUADRATO

Aggiornato il: 10 nov 2018

Con l'arrivo della primavera, l'idea di dare vita a un orticello, è davvero allettante e può essere un vero salto di qualità, sia per ciò che concerne l'alimentazione, sia per occupare il proprio tempo libero in maniera costruttiva. Infatti, crescere un orto è davvero un'esperienza ricca di gioie e soddisfazioni: è meditativa, rilassante, utile e bellissima!! Oltretutto lo spazio potrebbe essere di un metro quadro o poco più... Non ci credi?


Spesso tendiamo a pensare che questa pratica sia concessa solo a chi possiede grandi pezzi di terra, ma qui cercheremo di spiegare come sia sufficiente anche uno spazio verde minimo per crescere i nostri ortaggi. A tale proposito, abbiamo chiesto qualche breve consiglio all'Arch. Bruno Mongiardo, che è specializzato in architettura del paesaggio, garden-design, e amante accanito di orti... di ogni tipo.


Calendario dell'Orto - DOMANDA: Molti utenti della pagina ci chiedono come fare un piccolo orto avendo a disposizione pochissimo spazio; quasi sempre si tratta di giardini domestici e spesso sono inutilizzati, se non per far crescere erba e qualche fiore. Tu cosa consiglieresti?


Arch. Bruno Mongiardo - RISPOSTA: In questi casi, io consiglio sempre l'orto a quadrati, chiamato anche "orto alla francese" o "square-foot garden" e che io, per simpatia, chiamo L'ORTO-QUADRO.  A mio avviso, è il compromesso perfetto tra praticità ed estetica.

DOMANDA: Da dove nasce questa tua convinzione?

RISPOSTA: Per molti anni ho avuto un orto vero e proprio di quasi 50 mq; mi richiedeva molto tempo, specialmente in manutenzione. Avendo sempre poco tempo a disposizione, causa viaggi di lavoro, mi ritrovavo più spesso a zappare, diserbare e a togliere erbacce piuttosto che dedicarmi al piacere vero e proprio della coltivazione. Poi ho cambiato città e per quasi 10 anni ho vissuto in una casa indipendente che affacciava su un piccolo giardino di circa 25 mq 2. Non solo era un fazzoletto di terra, ma si sviluppava su due livelli. Questo è stato il motivo per cui ho pensato di affinare il metodo degli orti-quadri, che ultimamente stanno diventando una vera moda nel settore del giardinaggio. All'inizio ho fatto parecchi errori, ma oramai sono anni che non compro più verdure!


DOMANDA: Ci spieghi meglio in cosa consiste questo orto-quadro?

RISPOSTA: E' un metodo di fare l'orto, in cui è possibile coltivare verdure, erbe aromatiche e fiori commestibili. Ad ogni ortaggio viene destinato un quadrato di 40 cm per lato, per un totale di 9 quadrati. L'intero orto si conclude in una superficie di circa 1.20 x 1.20 cm. (Si può fare anche più grande, inserendo 4 quadrati da 1.20 cm l'uno, per un totale di 16 quadrati, come l'immagine qua sotto). Ovviamente, il quadrato può diventare un rettangolo, e avere 12 quadrati al posto che 9. In questo caso, avremo un'aiuola di 1.20 cm x 1.60. Iniziamo col dire che lo spazio di coltivazione viene ottimizzato: infatti si possono crescere 9 ortaggi differenti in solamente 1 metro quadro e mezzo di area. Ma non solo: è una sinergia perfetta tra spazio e orticoltura. Infatti, non è necessario avere grandi superfici per avere grandi rendimenti: la maggior parte degli ortaggi, infatti, cresce perfettamente in uno spazio di 40x40 cm, senza venire sacrificata. Tuttavia è importante seguire degli schemi di coltivazione che rispondano alle esigenze delle piante stesse, affinchè restino in salute e possano essere produttive.

DOMANDA: Cosa possiamo piantare in questo piccolo orto? Quali ortaggi si prestano?

RISPOSTA: Ci sono almeno un centinaio di ortaggi, sia piccoli che grandi, che si prestano a questo tipo di coltivazione; tra i piccoli ci sono i ravanelli, le insalate, le carote, le cipolle, gli ortaggi a foglia verde (come gli spinaci) e numerose erbe aromatiche come il prezzemolo, l'erba cipollina, il coriandolo, etc. Tra gli ortaggi grandi ci sono le biete, i peperoni, le melanzane, alcuni tipi di pomodori, le brassiche (come cavoli, cavolfiori, broccoli, etc) e alcune erbe come il basilico, il timo e altre ancora, da valutare mese per mese.

DOMANDA: E quelli che proprio non si devono piantare in questo tipo di orto?

RISPOSTA: Un ortaggio assolutamente vietato è la patata: infatti questo tubero viene sradicato solitamente con una forca, ma in uno spazio di 40 cm circondato da legno, questo non è possibile. Un altro ortaggio che non può essere coltivato in uno spazio così ridotto è la zucca, perchè sia il frutto che le foglie sono molto grandi e invaderebbero lo spazio circostante, oltre che togliere luce agli altri ortaggi. Lo stesso dicasi per gli altri ortaggi a foglia larga, come i cetrioli e le zucchine.


DOMANDA: Secondo la tua esperienza, quali sono i vantaggi del coltivare un orto-quadro?

RISPOSTA: Il primo vantaggio è in assoluto il tempo. Con questo tipo di orto, si riesce a soddisfare l'esigenza alimentare di una persona investendo il minimo sforzo. Inoltre, queste aiuole modulari si prestano non solo per piccole zolle di terra ma anche per balconi o terrazze. È un orto che può essere gestito durante tutto l'anno, alternando le colture estive a quelle invernali. E infine, è veramente bello e coltivarlo diventa un sano piacere!

DOMANDA: Un consiglio per chi comincia?

RISPOSTA: Il mio personale consiglio è quello di considerare questo orto in miniatura alla pari di uno di grandi dimensioni: le necessità sono le stesse e quello che conta, ovviamente, è il contenuto e non il contenitore di legno. Pertanto è necessario considerare come prima cosa l'esposizione solare, che deve avere almeno 7 ore di sole al giorno, e la terra in cui coltivare, che deve essere ricca e nutriente (tranne alcune eccezioni).

Un altro fattore da considerare sono le consociazioni, per creare sinergia tra gli ortaggi e presupporre una lotta biologica ai parassiti. Infine ricordiamoci sempre che questo orto, per piccolo che sia, ci offre la possibilità di nutrirci con alimenti sani e naturali, coltivati da noi stessi!

A questo punto, non resta che iniziare a coltivarsi un orto-quadro :-) Se volete qualche consiglio, consultate la nostra sezione del sito dedicata all'orto: ogni mese puoi trovare consigli su cosa seminare nella tua piccola aiuola, valutando gli ortaggi di stagione, le consociazioni e tanto altro ancora... Puoi trovare tutto anche sul nostro Calendario lunare delle semine, che trovi cliccando qui


Per una consulenza privata su come trasformare e gestire il tuo pezzo di terra in un vero e proprio orto, puoi scrivere all'Arch. Bruno Mongiardo.

Arch. Bruno Mongiardo Specializzato in bioedilizia, architettura del paesaggio e orto-design.

Dopo aver trascorso più di vent'anni ispirativi tra le colorate calle di Venezia, lavorando come affermato architetto, decide di dedicarsi agli spazi verdi, trasformandoli in piccole opere d'arte. I suoi strumenti? Fiori, frutta, verdura, amore e conoscenza della terra, conditi da una stupefacente creatività.

Per suggerimenti e consulenze private: bruno.mongiardo@gmail.com


© 2020 by Il Calendario dell'Orto