• Daniela Squeo

CHEESE-CAKE RAW AI MIRTILLI

Recita un proverbio indiano “Fai del bene al tuo corpo affinché la tua anima abbia voglia di restarci”: questo per sottolineare come siano strettamente connessi tra loro il benessere fisico, mentale, emozionale e non solo.


Con questo caldo comprendo benissimo come sia stancante stare di fronte ai fornelli, e allora cosa c’è di meglio di una deliziosa e leggera cheese-cake crudista vegana ai mirtilli?

Ho pensato per voi ad una ricetta salutare e davvero facile: tempo di preparazione (a parte la fase di rapprendimento in freezer) solamente 5 minuti!


Tra l’altro il mirtillo nero è davvero ricco di principi salutari. Infatti contiene l’acido citrico (che protegge le cellule), l’acido ossalico (che conferisce il classico sapore asprigno), l’acido idrocinnamico che neutralizza le nitrosammine cancerogene e l’acido gamma-linolenico, molto utile al sistema nervoso perché previene la nefropatia diabetica. Il mirtillo nero è particolarmente ricco anche di acido folico e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura.


Quindi, dopo avervi elencato le innumerevoli proprietà del mirtillo, facciamo largo uso di questo meraviglioso frutto e trasferiamoci in cucina per la preparazione del dolce! Indossate il grembiule... e nel frattempo vi leggo gli ingredienti che ci occorrono.

INGREDIENTI: - 120 grammi di mirtilli freschi -140 grammi di anacardi    - 2 cucchiai di olio di cocco misurato allo stato liquido - 2 cucchiai di agave - Vaniglia bourbon in polvere - Fiori, ribes e mirtilli per guarnire

PROCEDIMENTO: Il procedimento è davvero semplicissimo: frullate i mirtilli e gli anacardi unitamente all’olio di cocco (sciolto a bagnomaria, ma con le alte temperature di questi giorni è assai probabile che sia già naturalmente fuso!), alla vaniglia bourbon e al succo di agave, che consiglio di prendere “raw”, ovvero quello crudo che non è stato sottoposto ad alte temperature. Lo riconoscerete facilmente in quanto ha una colorazione scura.

(Chi non dispone di un potente frullatore, può mettere gli anacardi in ammollo per qualche ora).


Una precisazione sull’olio di cocco: prendete sempre quello estratto a freddo: infatti l’olio di cocco è davvero un prezioso alleato della nostra salute. Possiamo utilizzarlo per l’oil pulling, per condire, come sostituto alle creme idratanti, come lenitivo e persino come antibatterico. Nella cucina crudista si usa spesso nelle preparazioni di ricette dolci, sia per il suo lieve sapore esotico, sia per la sua particolarità di sciogliersi con il caldo e di rapprendersi alle temperature più fredde (freezer o frigo), passando dunque allo stato solido.


 Il composto ottenuto verrà messo pertanto in una tortiera con cerniera di circa 10-12 cm di diametro: vi consiglio di porre sulla base della tortiera della carta forno, perchè faciliterà l’operazione di impiattamento. Chi vuole può creare una base di datteri o di granella di mandorle. Qui tale passaggio è stato saltato per rendere ancora più facile l’esecuzione di questa ricetta rinfrescante ed estiva.

Ponete in freezer il composto per circa 3 ore, togliete poi dal freezer, tenete a temperatura ambiente per una decina di minuti e delicatamente aprite la cerniera verificando prima che la torta sia ben rappresa.  Potete decorare con tutta la vostra fantasia questa torta: io ad esempio ho alternato i ribes rossi ai mirtilli, creando un cerchio, nel cui centro ho disposto dei fiori commestibili di apple blossom... ottenendo un meraviglioso disegno. Ho anche usato della frutta tropicale, come la pithaya gialla e physalis.

Ora non vi resta che provare, mettendo tutta la creatività che avete a disposizione e poi fatemi sapere se vi piace la tortina più veloce del Mondo! 


Vorrei vedere tutte le vostre cheesecake sotto questo post :-D


A presto con la prossima ricetta per il Calendario dell’Orto, e se volete seguirmi sono quotidianamente sulla mia pagina facebook TwinCherry – Fruit, Raw & Vegan

© 2020 by Il Calendario dell'Orto