• Ginevra dell'Orso

Allergie autunnali: combatterle con gli ortaggi di stagione

Solitamente si pensa che sia la primavera la stagione delle allergie; eppure, anche l'autunno può riservare brutte sorprese. Infatti, gli ambienti chiusi, l'umidità causata dalle piogge e alcuni pollini tipici del periodo autunnale-invernale, riescono a scatenare un'improvvisa reazione allergica che si manifesta in  riniti, congiuntiviti e talvolta anche asma.

Ci sono molte piante che, in natura, creano reazioni allergiche, e molto dipende dalla zona in cui si vive: al nord, il rischio maggiore è rappresentato dalle graminacee e dall'ambrosia: l’impollinazione di questa pianta inizia ad agosto, ma può durare anche fino ad autunno inoltrato. Inoltre il polline dell’ambrosia, trasportato dal vento, riesce a percorrere anche lunghe distanze. Per quanto riguarda il centro-sud, il maggiore allergene è dato parietaria. Tuttavia, con i continui aumenti delle temperature, molte di queste piante continuano a dare problemi anche  oltre la loro stagione classica.

Gli alimenti che mangiamo, ovviamente, possono contribuire a inibire queste allergie fastidiose, soprattutto per quanto riguarda gli ortaggi di stagione, di cui l'autunno è davvero ricco. Ecco qualche esempio pratico da tenere in considerazione:

Broccoli Questo prezioso ortaggio aiuta contro le allergie in due modi ben distinti: è molto ricco di vitamina C (che contrasta le allergie) e fa parte della famiglia delle crucifere, ovvero piante che hanno mostrato di essere adatte nel bloccare le forme di sinusite. I ricercatori hanno scoperto che circa 500 mg di vitamina C al giorno possono alleviare i sintomi allergici, che equivale a circa 80 grammi di broccolo crudo.

Cavolo nero Non è solo bello ma è anche un cibo ricchissimo! Come il broccolo, fa parte della famiglia delle crucifere ma è anche ricco di carotenoidi, fonte di vitamina A: questa vitamina, infatti, allevia i sintomi delle allergie. Numerosi studi hanno dimostrato che le persone carenti di vitamina A sono più soggette ad avere asma e problemi allergici.

Cipolle e aglio Cipolle e aglio sono molto ricchi di quercetina, un'altra arma segreta che aiuta a combattere le allergie agendo come un antistaminico. La quercetina agisce anche come la vitamina C e reprime gli effetti dell'infiammazione allergica, come ad esempio il naso chiuso. Tuttavia, la quercetina non viene assorbita molto facilmente, e pertanto bisognerebbe farne un uso piuttosto .

Zucca Come i broccoli e le verdure a foglia verde, le zucche sono ricche di carotenoidi, ovvero la vitamina A che è necessario accumulare al fine di scongiurare al meglio le allergie. Inoltre, la zucca è un ortaggio molto versatile, che si può cucinare in tantissimi modi, offrendo nuovi e gustosissimi sapori!

Carote Una radice veramente ricca di carotenoidi: le carote contengono tantissimo beta-carotene, indispensabile per aiutare a combattere le allergie all'ambrosia. Se vogliamo ottenere maggiori quantità di questa preziosa vitamina, conviene cucinare leggermente le carote al vapore, piuttosto che mangiarle crude.

Sedano Il sedano è ricco di vitamina C e di composti antinfiammatori, che lo rendono un ottimo strumento per combattere non solo le allergie, ma anche la pressione alta. E' un vegetale che si può mangiare sia crudo che cotto, senza perdere l'accesso ai suoi nutrienti. E non ignorare le foglie; taglia quelle per l'impiego in zuppe e stufati per ottenere una buona dose di vitamina C.

Ortica Anche se non è necessariamente un alimento, o un'erba tipicamente autunnale, non si può discutere di rimedi naturali contro le allergie senza includere l'ortica. Aiuta a soffocare l'infiammazione che si verifica quando si hanno i sintomi dell'allergia: infatti contiene istamina, la sostanza chimica che il corpo produce durante una reazione allergica. Si crea così una forma di "tolleranza" alla sostanza, che ci permetterà di avere meno fastidi.

© 2020 by Il Calendario dell'Orto